Northland Professional Canadian HC Ls 0204857 amazonshoes beige R5r6v3eHH

SKU-212093-zqd104
Northland Professional Canadian HC Ls 02-04857 amazon-shoes beige R5r6v3eHH
Northland Professional Canadian HC Ls 02-04857 amazon-shoes beige R5r6v3eHH
ITA
PALOMA BARCELOESPADRILLAS 39 NERO leaflo marroni Pelle jctSH
Posta Elettonica Certificata (PEC)
Go to...
dichiarazione sostitutiva di atto notorio nella quale attesti la regolareconclusione della manifestazione e l’avvenuta consegna dei premi nei tempi

A seguito dell’invio della comunicazione attestante la conclusione della manifestazione e la consegna dei premi tramite ilModulo Modifica OP/1 sopra citata, la cauzione potrà essere svincolata.

Il MiSE si riserva di verificare a campione o su segnalazione , anche il corretto svolgimento delle operazioni a premio. Può avviare procedura di contestazione a tutti coloro si presume possano aver violato:

verificare a campione o su segnalazione procedura di contestazione

Il procedimento sanzionatorio inizia attraverso una comunicazione di avvio per presunta violazione nei confronti dell’impresa promotrice (e di quelle associate). L’impresa, dalla notifica di ricevimento, ha 15 giorni per dimostrare la mancata violazione e per produrre le proprie controdeduzioni. Qualora comunque venga accertata la violazione, il Ministero dello Sviluppo Economico emetterà un provvedimento di immediata cessazione della manifestazione (qualora in corso di svolgimento) e provvederà ad attivare un processo sanzionatorio pecuniario .Se la manifestazione è ormai conclusa, l’amministrazione emetterà esclusivamente il processo verbale sanzionatorio pecuniario.

comunicazione di avvio per presunta violazione 15 giorni per dimostrare la mancata violazione provvedimento di immediata cessazione processo sanzionatorio pecuniario
Summary
Article Name
Guida completa alle operazioni a premio
Description
Le operazioni a premio differiscono dai concorsi a premi per diversi aspetti. Anche se nel linguaggio comune, spesso vengono confusi, nelle operazioni a premio vincono tutti quei partecipanti che soddisfano una determinata premessa, mentre nei concorsi, entrano in gioco fattori quali la sorte, i macchinari e l'abilità dei partecipanti. Inoltre, le operazioni a premio possono avere una durata massima di 5 anni, a confronto dei concorsi a premio che devono terminare entro 1 anno dal loro inizio.
Author
Alessandra Tironi
Publisher Name
Leevia
Publisher Logo
Tags: Normativa Concorsi
Alessandra Tironi

Lavoro nell’ambito delle manifestazioni a premi da circa 8 anni, fornendo consulenza in merito alla fattibilità e gestione burocratica di contest e iniziative premiali.

Che fine stanno facendo le condivisioni di contenuti sui social network?
Weekly Marketing Recap del 23 marzo
Leevia
Biker Amabel tendenzecalzature neri Pelle 271YY34
Gazzetta di Mantova Gazzetta di Modena Gazzetta di Reggio Il mattino di Padova Il Piccolo Il Tirreno
Churchs Sandali Donna In Saldo Bianco pelle 2017 38 40 raffaellonetwork marroni Pelle 2017 Churchs Sandali Donna In Saldo pelle dKAWs
La Nuova Venezia BRACCIALINI Tronchetti donna nero quellogiusto neri Camoscio kFUK6y
GIANCARLO PAOLI Sandali Alti donna cuoio/nero quellogiusto marroni Pelle ri6oxtvFxa
La Tribuna di Treviso Messaggero Veneto
Cambia edizione

Un trentenne ha truffato almeno tre strutture in Versilia: dorme nella suite e poi sparisce senza pagare di Luca Basile

PIETRASANTA. Gentile, sorridente, educato. E truffatore. Un vero e proprio talento del “rigatino” il giovane che nelle ultime settimane ha soggiornato, a sbafo, in almeno tre alberghi fra Pietrasanta e Marina. Il rigatino, come mirabilmente messo in pratica nel secondo atto di “Amici miei” da Lello Mascetti, – interpretato da Ugo Tognazzi – altro non è infatti che l’escamotage del dormire per una o più notti in un hotel per poi svignarsela senza dare nell’occhio ed ovviamente senza saldare il conto.

I tre, tra cui un piombinese, 40 giorni “all inclusive” con l’assegno scoperto per comprare: denunciati

Parlantina brillante, modi come detto gentili, un cortese affabulatore forse un po’ troppo «preso dal proprio ego. Il classico tipo che vuole dare l’idra di maneggiare tanti soldi: auto, grandi affari in vista, appena arrivato da noi non ha fatto altro che raccontare delle sue imprese. Ecco, questo doveva forse destarci qualche sospetto, ma sono così tante le persone che ci passano davanti ogni giorno che diventa difficile, poi, individuare l’imbroglione di turno. Nel caso in questione – precisa Palla – avevamo davanti un giovane di poco più di 30 anni, con indosso un giubbotto di pelle con borchie, inflessione dialettale massese, anche se ci ha detto che abitava a Milano, sorriso accomodante. Ha detto che si sarebbe fermato una settimana e ha voluto, ovviamente, la suite (150 euro a notte, ndr ): alla nostra richiesta (la sottoscritta non era presente al momento del suo arrivo) di consegnarci un documento, ha detto che ce lo avrebbe portato da lì a poco. Il mattino dopo è sceso, ha fatto colazione e quando gli abbiamo di nuovo chiesto il documento e un acconto per la settimana ha risposto che sarebbe andato a prendere la carta d’identità e che avrebbe subito sistemato il tutto. Ovviamente non lo abbiamo più visto». Non contento, alla proprietà de Il Duomo, ha lasciato un regalino niente male. «Si è portato via, chissà poi perché, la chiave della porta della suite costringendoci a cambiare la serratura e a spendere un altro centinaio di euro – rimarca Palla che aggiunge –. Tutto questo è accaduto lo scorso fine-settimana, ma per quanto mi è stato riferito, questo truffatore, che si è sempre presentato con indosso il solito giubbotto di pelle e senza bagaglio, si è comportato in analogo modo in altre due strutture ricettive cittadine, mentre a Marina di Pietrasanta, i proprietari di un albergo, forse insospettiti dal suo fare, hanno chiamato le forze dell’ordine. Ma quando sono arrivati il giovane si era già allontanato. Alla luce di tutti questi episodi l’auspicio è che venga individuato e denunciato. Forse non servirà a molto, anche perché in galera questa gente difficilmente ci finisce, ma quanto meno deve essere messo nelle condizioni di non poter più truffare il prossimo».

Skip to main content
Agriregionieuropa

Main menu

Agriregionieuropa anno 11 n°42, Set 2015
TTIP e agricoltura: tra paure eccessive e speranze infondate
Albano Sandalo vernice nude/paill beige/taupe gullivercollection rosa Estate iegOs
Università Roma Tre , Dipartimento di Economia

Gli accordi di libero scambio bilaterali sono diventati una parte importante e strategica della politica commerciale per molti paesi. Alla proliferazione degli accordi bilaterali ha contribuito la situazione di stallo dei negoziati multilaterali del Doha Round in seno alla (). L'Unione europea (UE) ha già firmato un ampio numero di accordi preferenziali sia unilaterali che bilaterali. Più di recente, l'UE ha avviato numerosi negoziati bilaterali il più rilevante dei quali è sicuramente quello con gli Stati uniti (Usa) – il (Ttip) – che ha preso il via nel luglio del 2013.

Lo stato del negoziato Lo scorso luglio si è concluso il decimo round di incontri bilaterali nell’ambito di un negoziato complesso e controverso che sta entrando nel terzo anno. Sebbene si siano registrati degli sviluppi favorevoli negli ultimi mesi, il raggiungimento di un accordo si prospetta ancora piuttosto difficile. Per quanto riguarda gli Usa, infatti, è sicuramente positivo che il Congresso abbia rinnovato in giugno al Presidente Obama la che consente al governo di siglare accordi commerciali che dovranno essere messi in votazione in blocco, ovvero senza la possibilità di inserire emendamenti. Nel mese di luglio, poi, è stata approvata dal Parlamento Europeo (PE) la relazione di B. Lange contenente raccomandazioni sul negoziato con gli Usa dopo un dibattito vivace che ha portato, fra l’altro, alla bocciatura di un emendamento finalizzato a escludere l’agricoltura dall’ambito delle trattative. D’altra parte, gli Usa si avviano a entrare nella campagna elettorale per le elezioni presidenziali del 2016 e l’attenzione dell’Amministrazione uscente sembra essere rivolta soprattutto verso il Pacifico. Sembra ormai prossimo alla conclusione, infatti, l’altro mega-accordo regionale ovvero la che comprenderà ben 12 paesi: Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malaysia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore, Stati Uniti e Vietnam. Anche nell’ UE, peraltro, non tutti i governi sono convinti della necessità di stringere i tempi e la stessa risoluzione del PE, peraltro non vincolante, risulta piuttosto generica, auspicando un accordo “ambizioso” ma “equilibrato” e prevedendo varie possibilità di deroghe ed eccezioni ad esempio per quanto riguarda prodotti agricoli “sensibili”.

L’agenda agricola

Le trattative del Ttip si articolano su 24 capitoli negoziali individuali, raggruppati in 3 aree negoziali:

Per quanto riguarda l’accesso al mercato, le tariffe (medie) bilaterali applicate da Usa e UE (3,4% e 5,5% in media, rispettivamente) sono piuttosto basse e ciò fa sì che non sia questo il canale da cui ci si possono aspettare i maggiori effetti da un eventuale accordo. Vi è tuttavia una sostanziale differenza tra settore manifatturiero e agricolo, soprattutto nel caso dell’UE, visto che le rispettive medie sono pari a 4,2% e 13,2%. La liberalizzazione tariffaria avrà quindi un impatto maggiore nel settore agricolo, soprattutto per quei prodotti caratterizzati da ‘picchi tariffari’. Se si considerano come ‘picchi’ valori superiori al 15%, questi rappresenterebbero ben il 30% degli equivalenti ad valorem riportati dalla banca dati MAcMapV2 per prodotti agroalimentari importati dall’UE. Con riferimento alla cooperazione e coerenza normativa, l’obiettivo è eliminare differenze non necessarie negli , definire equivalenze, facilitare le certificazioni nei paesi di origine. Le differenze ‘non necessarie’ sono quelle che non sono determinate da differenze nella GUESS Sandali Alti donna marrone quellogiusto marroni Pelle motft
del rischio, ad esempio norme sull’etichettatura o sulle dimensioni delle confezioni. Tutto ciò potrebbe avere conseguenze positive per le imprese esportatrici, soprattutto di piccole dimensioni, anche nel settore agro-alimentare.
L’area relativa alle norme è quella che ha recentemente attirato la maggior attenzione da parte dell’opinione pubblica soprattutto per quanto riguarda le norme relative alla protezione degli investimenti. Gli obiettivi principali sono due. Da una parte, determinare condizioni di parità con le imprese locali per le imprese che investono nei mercati europei e statunitensi. Dall’altra, ridurre l’incertezza rispetto a pratiche ingiustificate e discriminatorie da parte del governo estero come un eventuale esproprio senza adeguato indennizzo. Quest’ultimo obiettivo dovrebbe essere raggiunto, come è prassi negli accordi commerciali internazionali, dando la possibilità all’investitore estero di far ricorso a un arbitrato internazionale indipendente per tutelare i suoi diritti definiti nell’accordo . Poiché il sistema giudiziario nazionale potrebbe non avere titolo a decidere sull’applicazione dei trattati internazionali e le decisioni potrebbero essere distorte a favore del governo nazionale, il ricorso ad arbitri indipendenti per la risoluzione delle dispute costituisce la norma negli accordi commerciali multilaterali e bilaterali. D’altra parte, si sono di recente registrati alcuni casi in cui grandi imprese multinazionali hanno fatto ricorso a questo meccanismo in modo piuttosto ‘aggressivo’ e ciò ha ingenerato il timore che possa essere messa in pericolo la libertà di ciascun paese di regolamentare per perseguire i propri obiettivi pubblici. Nel caso dell’agroalimentare, però, l’aspetto normativo più rilevante è sicuramente quello che fa riferimento alla tutela delle indicazioni di origine. Su questo punto, come è noto, l’UE ha una lunga tradizione di tutela che ha portato a registrare 1577 nomi di vini e 1184 nomi di prodotti agricoli (Matthews, 2015). L’approccio statunitense è sostanzialmente diverso in quanto privilegia i ‘’ rispetto alle indicazioni geografiche rispettando il criterio cronologico di registrazione e accettando che i nomi geografici possano essere considerati generici. I prodotti tutelati dall’UE rappresentavano nel 2010 il 15% delle Décolleté con cinturino alla caviglia lesara marroni Sintetico hkFB0D
agroalimentari e ben il 90% delle esportazioni di bevande alcoliche (Matthews, 2015): anche se i flussi sono molto concentrati su pochi prodotti, si tratta quindi di un punto di notevole interesse commerciale per l’intera UE.

Esagerazione e realismo

Vista la scarsa probabilità che un accordo sul Ttip possa essere raggiunto in tempi brevi, può destare un qualche stupore che il dibattito in Europa e in Italia sia così acceso. La contrapposizione più evidente è quella fra coloro che sostengono l’accordo, considerandolo complessivamente positivo, e coloro che si oppongono, ritenendo che i costi superino i benefici. Dal punto di vista dell’analisi economica, però, il discrimine più interessante riguarda l’entità degli effetti previsti: a coloro che prevedono effetti tutto sommato modesti che si realizzeranno nel medio-lungo periodo a seguito di un accordo ‘debole’ i cui contenuti siano coerenti con le posizioni in campo, si contrappongono visioni apocalittiche o paradisiache. Gli apocalittici paventano riduzioni degli ambientali, di sicurezza e di protezione della salute dell’UE, aumento della disoccupazione e maggiori margini per il potere di manipolazione delle multinazionali. A questi timori e paure, alimentate da una assai discutibile strategia di comunicazione da parte dell’UE che ha impiegato molto tempo prima di declassificare le direttive di negoziato e adottare iniziative in favore della trasparenza, si può facilmente rispondere:

Se i pessimisti si preoccupano delle questioni sbagliate, l’entità degli effetti positivi propagandati da alcuni dei sostenitori dell’accordo sembra essere altrettanto infondata. Il Ttip viene presentato come il primo esempio di una nuova generazione di accordi di libero scambio che vanno molto al di là della tradizionale rimozione delle barriere tariffarie. In effetti, abbiamo già ricordato come i dazi siano già piuttosto ridotti e non rappresentino certamente il principale o maggiormente controverso oggetto della trattativa. Per tenere conto di tutto ciò, alcuni modelli calcolano degli equivalenti tariffari delle altre politiche e procedono alla loro rimozione prevedendo (non sorprendentemente) effetti positivi di diversi ordini di grandezza maggiori rispetto alla semplice eliminazione dei dazi. Al di là delle modalità di calcolo degli equivalenti, si tratta di un procedimento concettualmente scorretto in quanto le misure non-tariffarie (Mnt) rappresentano, almeno in alcuni casi, una risposta a fallimenti del mercato e la loro eliminazione non porterebbe necessariamente né a un aumento degli scambi commerciali, né a un miglioramento dell’efficienza. Nel caso delle Mnt, quindi, l’obiettivo non è la pura e semplice eliminazione bensì l’armonizzazione ovvero il riconoscimento dell’equivalenza: si tratta di un processo lungo e complesso come dimostra la storia dell’integrazione del mercato interno europeo. Se i risultati più realistici prevedono variazioni positive del inferiori a 1 punto percentuale, ci si potrebbe ragionevolmente chiedere se vale veramente la pena di sostenere i costi di ristrutturazione necessari per cogliere tali benefici nonché affrontare gli inevitabili conflitti derivanti dagli effetti redistributivi. L’errore implicito in una tale domanda, però, è ipotizzare che, in assenza del Ttip, la situazione rimarrebbe quella odierna o si evolverebbe sulla base dei trend attuali. Invece le cose cambiano velocemente e l’ormai prossima conclusione del Ttip sta lì a ricordarlo. Dal punto di vista della modellizzazione, ciò significa che la valutazione economica dovrebbe tenere conto che un eventuale accordo potrebbe contribuire ad attenuare gli effetti negativi derivanti da politiche adottate altrove, e questi benefici indiretti potrebbero risultare anche maggiori dei guadagni diretti derivanti dall’accordo stesso. Chi si oppone al Ttip sembra dare per scontato che il mancato accordo garantirebbe il mantenimento di uno considerato, a torto o a ragione, desiderabile. Si tratta di un’ipotesi confermata dalle analisi economiche dedicate alla simulazione di diversi scenari che si differenziano per la modellizzazione, più o meno ottimistica, dei contenuti del Ttip ma condividono il medesimo scenario di riferimento. Sarebbe bene che un’attenzione analoga venisse invece dedicata alla simulazione dello scenario di riferimento rispetto a cui misurare gli effetti dell’accordo: un mondo senza Ttip sarà comunque diverso da quello che conosciamo.

Riferimenti bibliografici

Capaldo J., (2014), “The Trans-Atlantic Trade and Investment Partnership: European Disintegration, Unemployment and Instability”, 14-03

Arpa S.p.A. · Via Cremona, 27 – 46100 Mantova - Italia P.Iva 01529570200 · Cod.fisc. 02819260171 · Capitale Sociale i. v. Euro 1.000.000,00 · R.E.A. 164705 del 08/11/88

copiaincolla
Parleremo bene di voi www.copiaincolla.com